A vorte, chi va Controcorrente vo’ ssolo pescà voti tra la ggente…

La componente di maggioranza è un autentico paradosso: si presenta con un nome che avoca l’alternativa ma nelle sue liste compaiono i nomi di coloro che da decenni ricoprono cariche di guida in Inpgi, Fnsi e sindacato regionale, Ordine, Fondo di previdenza complementare, UsigRai, vale a dire i pesci che nuotano nei posti chiave degli organismi della nostra categoria

Speciale per Senza Bavaglio
Ugo Degl’Innocenti*
Roma, 14 dicembre 2022

A chi, Senza Bavaglio, da più di vent’anni si batte contro il conformismo e si propone come alternativa alla componente che governa gli organismi di categoria non può non saltare agli occhi una mistificazione assurda che si ripropone ad ogni elezione per il rinnovo delle cariche degli organismi di categoria: la presenza di liste denominate “Controcorrente” o “Contrordine”, con tanto di logo con i pescetti che ricordano il tramontato movimento delle sardine.

Rappresentata astutamente come un simpatico pesce rosso che nuota nella direzione opposta a quella di tanti cattivi pesci neri, la componente Controcorrente è un autentico paradosso: nelle sue liste compaiono i nomi di coloro che da decenni ricoprono cariche di guida in Inpgi, Fnsi e sindacato regionale, Ordine, Fondo di previdenza complementare, UsigRai, vale a dire i pesci che nuotano nei posti chiave degli organismi della nostra categoria, e nei disastri, come la fine dell’Inpgi 1 o la cancellazione del contratto Fieg-Fnsi dalla pubblica amministrazione. Qualcuno ricorderà le componenti “Autonomia e Solidarietà e Giornalisti uniti”: da un po’ di tempo hanno cambiato nome, ma sempre loro sono.

E’ la tesi che si presenta con le maglie dell’antitesi, il virus che si propone all’elettorato come antivirus, il diavolo come acqua santa. Basta scorrere i nomi dei candidati a queste elezioni del sindacato, per rendersene conto.

Per esempio, peschiamone uno, il coordinatore di Controcorrente Lazio, Massimo Marciano. Copia-incolla dal suo curriculum: “Dal 2003 al 2008, dal 2012 al 2016 e poi dal 2020 (in corso): consigliere d’amministrazione dell’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani (Inpgi), dal 1994 al 2000 e poi dal 2019 (in corso): membro del consiglio direttivo dell’Associazione stampa romana”. E ancora: “dal 2010 al 2014 e poi dal 2020 (in corso): componente dell’Assemblea nazionale lavoro autonomo della Federazione nazionale della stampa italiana (Fnsi); dal 2008 al 2012 e poi dal 2021 (in corso): vicefiduciario per il Lazio dell’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani “Giovanni Amendola” (Inpgi)”, eccetera, eccetera.

Insomma, Marciano nuota negli istituti di categoria da quasi trent’anni, non certo controcorrente, viste le seggiole, poltrone e strapuntini vari sui quali si siede o si è seduto. Come coordinatore di Controcorrente Lazio, ha recentemente risposto alla richiesta di utilizzo della sala dell’Ordine nazionale, per un convegno sui temi della nostra professione, inoltrata dalla Consulta degli uffici stampa al presidente dell’Ordine dei giornalisti, Carlo Bartoli.

Curioso, no? La presidente della Consulta, Anna Astrella, scrive a Bartoli a nome della Consulta, organo statutario dell’Associazione stampa romana, e, anziché la risposta di Bartoli, arriva una missiva di Marciano, che spende ben 1200 parole, per “esporvi alcuni profili di inopportunità che abbiamo rilevato in merito alle modalità di svolgimento dell’evento”. Per la cronaca, il convegno s’è poi svolto nella sala convegni dell’Associazione stampa romana, lo scorso 26 ottobre, ma l’episodio la dice lunga su una “corrente” così pervasiva in tutti gli organismi di categoria.

La vicende elettorali dei giornalisti e il paradosso di Controcorrente hanno incuriosito il mio amico poeta GGP, del quale riporto i seguenti versi: (Audio )

ER PESSCE ROSSO

(L’incastracompagni)

Er pessce rosso, che addomesticato
stava drento la boccia ner salotto,
pe dasse ‘n tono da provincialotto
chiamò a raccolta er Popolo pescato.

“Cumpagni! Amici! Io me so’ alleato
co’ chi sta peggio ar piano cqui de sotto!
Io so’ “Er mejo”, mica un cacasotto!
Votate me che mme so’ presentato!”.
L’antri pesci, curiosi: “Gnente gnente
che mmo sto tipo, che ppare tanto umano,
crede proprio ar progresso de la ggente?”

Ma ‘n pessce cor cervello un po’ più ssano
je fece: “Lui nun è Controcorrente…

Sta cor Padrone… Contro noi Marciano…”.

MORALE

A vorte, chi va Controcorrente, /
vo’ ssolo pescà voti tra la ggente…

Ugo Degl’Innocenti*
Candidato per Senza Bavaglio nella lista di Informazione@Futuro al XXIX congresso della Fnsi
ugodeglinnocenti@yahoo.it
twitter @sbavaglio

*Giornalista pubblico in servizio nel Consiglio regionale del Lazio, già “redattore ordinario” del quotidiano ItaliaOggi. Vicepresidente della Consulta degli uffici stampa, organo statutario dell’Associazione stampa romana, è tra i fondatori di Senza Bavaglio.

“SENZA BAVAGLIO”, NEL LAZIO SI  PRESENTA CON  LA LISTA DI
INFORMAZIONE@FUTURO (PROFESSIONALI),
E VI INVITA A VOTARE PER COLLEGHI CHE DA ANNI CONDIVIDONO LE NOSTRE LOTTE CONTRO DISCRIMINAZIONI E INGIUSTIZIE IN UNA CATEGORIA 

TROPPO SPESSO AFFLITTA DA INTERESSI DI CORRENTE, PERSONALISMI, OMISSIONI E SILENZI
­

Senza Bavaglio nel Lazio è presente con cinque suoi candidati (indicati con un *) nelle liste Professionali di Informazione@Futuro. Noi ti invitiamo a votare tra gli altri da scegliere nelle liste di informazione@futuro:

Un candidato per l’elezione dei delegati al congresso nazionale della FNSI
Ugo DEGL’INNOCENTI*
Stefano FERRANTE
Lazzaro PAPPAGALLO
Maria Rosaria SPADACCINO

Due candidati per l’elezione dei delegati al congresso regionale dell’Associazione Stampa Romana (ASR)
Solen DE LUCA*
Lavinia DI GIANVITO*
Stefano FERRANTE

Simone MASSETTI*
Lazzaro PAPPAGALLO

Una candidata al Consiglio direttivo GRGP (Gruppo romano giornalisti pensionati) e al Congresso dell’UNGP (Unione nazionale giornalisti pensionati)
Rosaria Barbara PAVAROTTI*

Per i collaboratori Senza Bavaglio indica:
Per il Nazionale
Daniela NOVELLI

per il Regionale
Elisabetta PALMISANO
Daniela NOVELLI


Questi i candidati nella lista di Info@futuro e sostenuti da Senza Bavaglio
per entrambe le votazioni dei giornalisti pensionati. Vanno votati i blocco:

  1. AMBROGI Roberto
  2. BARTOLONI Romano
  3. BENEDETTI Massimo
  4. COLACE Loredana
  5. DEL BIANCO Alberta
  6. D’EMILIA Pio
  7. D’ISA Viviana
  8. GALASSI Luciano
  9. GIACOMINI Stefania
  10. MAURO Silvia
  11. PAVAROTTI Rosaria Barbara *
  12. SBARDELLA Marina

Chi vuole può parlare con Senza Bavaglio. Basta contattarci senza problema al numero +39 345 211 73 43. Naturalmente lascia il tuo nome e la tua regione di residenza e vi richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Senza Bavaglio e/o di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp le news dei nostri quotidiani online.

Condividi questo articolo

more recommended stories