Guerra e informazione: Israele confessa gli ingenti sforzi di propaganda

Lo Stato ebraico elogia la massiccia presenza di reporter. Spingendo però affinché riferiscano una sola versione. L’ufficio del Primo Ministro, ha condotto una campagna globale di diplomazia pubblica di portata senza precedenti “al fine di promuovere la legittimità della politica e degli sforzi israeliani sul campo di battaglia”.

Scivolone a Milano: Barbacetto querelato per diffamazione dal Comune

Pericoloso segnale contro la libertà di stampa. Protesta il cdr del Fatto Quotidiano. E la CGIL si divide

Altri 8 milioni di euro dall’Europa a Rai, Mediaset, giornali e siti

SOLDI UE – Non solo l’Europarlamento, pure la Commissione finanzia chi dovrebbe controllarla e lo fa in modo oscuro: ecco cosa sappiamo

INPGI: insoddisfacente risultato elettorale, ma un grazie di cuore a chi ci ha votato

Grazie, grazie di cuore a chi ci ha votato alle recenti elezioni dell’INPGI. Grazie a.

Libertà di stampa sotto l’attacco della politica e dell’economia

Nella classifica di Reportes Sans Frontières l’Italia retrocede di cinque posizioni

Elezioni INPGI: Ecco i candidati sostenuti da Senza Bavaglio in Lombardia e in Lazio

Senza Bavaglio Milano, 19 maggio 2024 L’INPGI è cambiato. Quello cha abbiamo conosciuto fino a.

Libertà di Stampa: Senza Bavaglio alla manifestazione del 25 aprile a Milano

Una delegazione di Senza Bavaglio ha patecipato a Milano alla manifestazione del 25 aprile per.

“Tengo famiglia”: come al premio Ischia i giornalisti gratificano gli amici

E c’è qualcuno, come Urbano Cairo, che utilizza i suoi giornali e tutto quello che ruota intorno come una “cosa di famiglia”.

Carlo Verna lascia la Rai “anima persa” e fa causa: “Un’azienda non azienda”

In una lettera aperta ai membri del consiglio di amministrazione, le amare considerazioni dell’ex presidente dell’Odg ed ex segretario Usigrai sullo stato di salute dell’autonomia e del pluralismo del servizio pubblico. Ma l’assalto della politica ha radici lontane (e bipartisan)

Repubblica e Stampa: salgono i dividendi, scendono i giornalisti

La Exor, holding della famiglia Agnelli – Elkann: ha chiuso il 2023 con un utile di 4,2 miliardi e distribuirà un dividendo di circa 100 milioni