Inpgi sull’orlo del baratro e il suo salvataggio è impossibile

L’ente di previdenza dei giornalisti rischia il default (solo un ritorno nell’Inps potrà garantire la sostenibilità nel lungo periodo delle pensioni) – il buco di 200 milioni continuerà ad aumentare, divorando l’intero patrimonio. L’idea folle della “deportazione” dei comunicatori e il bubbone dei 270 milioni di euro di contributi mai riscossi dalle aziende editoriali – il presidente Marina Macelloni, con l’ente in pre-dissesto, guadagna 229mila euro l’anno, il dg Mimma Iorio ne prende 232 mil

Intervista a De Benedetti censurata: CdR e direttore del Sole ai ferri corti

Senza Bavaglio Milano, 24 Giugno 2020 Abbiamo ascoltato con stupore le parole con le quali.

Milano, l’Ordine garantisce distribuzione dei giornali nella “Zona Rossa”

Speciale per Senza Bavaglio Fabio Cavalera Milano, 24 febbraio 2020 Come appestati i cittadini della.

Appello al voto: chi ha amministrato male non merita la riconferma

Riceviamo e volentieri pubblichiamo Dobbiamo salvare l’Inpgi. Dobbiamo salvare le pensioni di oggi e le.

Da RCS a Gedi: aziende in utile chiedono lo stato di crisi con INPGI che assiste inerme

Riprendiamo dal Fatto Quotidiano questo articolo di Fabio Pavesi che illumina il perverso gioco con.

La vergogna dell’INPGI: una gestione, pasticciona con stipendi gonfiati: continuiamo così?

SOS INPGI Fabio Morabito Roma, gennaio 2020 Alla vigilia delle elezioni che rinnoveranno la dirigenza.

Capodanno a Repubblica: ventisei (26) promozioni, non un centesimo ai collaboratori

Speciale per Senza Bavaglio Alessio Algeri Roma, 9 gennaio 2020 L’anno appena iniziato è stato.

L’editoria crolla: eppure Laura Cioli 4 anni a Corriere e Repubblica riceve 5,6 milioni di euro

da Il Fatto Quotidiano Fabio Pavesi 20 dicembre 2019 L’editoria ti fa ricca. Come è.

Elezioni CLAN/I freelance non credono a un sindacato che non fa niente per loro

Senza Bavaglio Milano, 3 ottobre 2019 Senza Bavaglio conquista una piccola, ma comunque significativa, nuova.

Una riforma dell’Ordine che dia prospettive ai giovani giornalisti e ai nuovi media

Fabio Cavalera Milano, 15 ottobre 2019 Cara collega, caro collega, l’Ordine professionale così com’è ha.