Senza Bavaglio
Milano, 4 febbraio 2020

Vogliamo difendere le pensioni attuali e future e cambiare l’INPGI per farlo vivere. La nostra lista si chiama “SOS INPGI – Garanzia pubblica per le pensioni”.  In Lombardia è sostenuta da Senza Bavaglio, Unità Sindacale-Mil e Movimento liberi Giornalisti e, a livello nazionale, da Informazione@futuro, Comitato “Diritto ex fissa” e un’alleanza formata da tutti coloro che pensano si possa e si debba voltare pagina per tutelare i giornalisti italiani e le loro pensioni attuali e future.

Lo squilibrio tra entrate e uscite previdenziali dell’INPGI è negativo da nove anni, il bilancio del nostro Istituto è in profondo rosso dal 2017 per centinaia di milioni ed è arrivato a 150 milioni nel 2019, mentre la liquidità in cassa garantisce il pagamento delle pensioni per due anni al massimo.

Un disastro annunciato che la maggioranza al governo dell’INPGI e della FNSI ha prima negato, poi affrontato in ritardo, senza neppure prendere in considerazione un piano alternativo e senza puntare a recuperare i contributi di chi fa il giornalista, ma non ha un corretto contratto di lavoro, come i falsi co.co.co. e lavoratori autonomi, gli artisti e i commentatori televisivi.

Ciò è stato causato anche dall’assenza e dalla mancata azione dei ministeri vigilanti del Lavoro e dell’Economia, che hanno assistito immobili, e sono altrettanto colpevoli, alla crisi progressiva e irreversibile dell’Inpgi e delle nostre pensioni.

Per questo vogliamo:

  • Garanzia pubblica sulle pensioni in essere e future
  • Trasparenza degli atti
  • Riduzione dei componenti e dei costi del CdA
  • Tutela del patrimonio immobiliare
  • Ampliamento della base contributiva
  • Garanzia del pagamento dell’ex fissa

 

  • Per l’INPGI 2:
  • Difesa del patrimonio perché non vada a sanare il rosso INPGI 1;
  • Welfare reale per tutti gli iscritti;
  • pensioni migliori utilizzando l’extra gettito del patrimonio;
  • agevolazioni, benefit, assicurazioni infortuni e mezzi di lavoro;
  • riequilibrio delle spese di gestione;
  • assicurazione anti querele;
  • rimodulazione accordo con Casagit.

Per approfondire: https://www.senzabavaglio.info/sos-inpgi/

Si vota da casa via computer dalle ore 8.00 di lunedì 10 febbraio alle ore 22.00 di mercoledì 12 febbraio (ora italiana). Oppure si può votare presso il proprio seggio di appartenenza dalle 10:00 alle 20:00 di sabato 15 e domenica 16 febbraio 2020.

Questo il calendario:

  • Voto telematico

gli iscritti potranno votare per via telematica senza interruzione dalle ore 8:00 di lunedì 10 febbraio 2020 alle ore 22:00 di mercoledì 12 febbraio 2020 (ora italiana). I colleghi potranno votare utilizzando il proprio codice iscritto, la password personale e un codice PIN, generato in tempo reale al momento dell’accesso e recapitato via SMS sulla propria utenza telefonica mobile, tramite il sito web dell’Istituto (www.inpgi.it). Ogni iscritto potrà votare on line in pochi minuti, utilizzando un PC, uno smartphone, un tablet o ogni altro device collegato a internet, seguendo un semplice e veloce percorso guidato.

  • Voto al seggio

chi preferirà esprimere il proprio voto presso il seggio elettorale della Circoscrizione di appartenenza potrà recarsi personalmente presso i seggi elettorali istituiti presso gli Uffici di corrispondenza regionali, che resteranno aperti dalle 10:00 alle 20:00 delle giornate di sabato 15 e domenica 16 febbraio 2020.

Condividi questo articolo