Solidarietà dei 5 Stelle ai cronisti condannati: “Inciucio FIEG-FNSI su contratto”

I due gruppi parlamentari del Movimento 5 Stelle alla Camera e al Senato hanno espresso la loro solidarietà ai giornalisti condannati a pagare le esose spese giudiziarie per aver impugnato il Contratto di lavoro, che sta causando ingenti danni all’Informazione nel nostro Paese.
Ecco il documento firmato dai deputati e senatori.

Movimento 5 Stelle
Roma, 30 novembre 2017

“Lo abbiamo sempre detto: ciò che uccide la libera stampa e umilia la dignità dei giornalisti è il grumo di potere che tiene assieme editori impuri e certo sindacalismo di potere cui non frega nulla delle sorti della categoria”. Lo denuncia in una nota il gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle in merito alla recente sentenza del Tribunale di Roma nella quale si dà torto a 21 cronisti che avevano impugnato il contratto di lavoro del 2014 siglato da Fieg e Fnsi, “un accordo al ribasso che sdogana la precarizzazione”, insistono i parlamentari Cinquestelle.

“Non commentiamo la sentenza che comunque non entra nel merito ma contesta ai ricorrenti un difetto di legittimazione attiva, in quanto non sarebbero iscritti a Fnsi, ma alle sue articolazioni regionali. Anche se i giornalisti sindacalizzati non possono che aderire alle associazioni territoriali e quelli tra i ricorrenti che hanno la fortuna di avere una vera busta paga, subiscono una trattenuta che fa capo direttamente a Fnsi”, spiegano i portavoce del M5S.

Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati

“Il contratto del 2014, ricordiamolo, non è stato nemmeno vidimato dalla Giunta del Fnsi del giugno di quell’anno, ma è figlio di un vero e proprio inciucio, consumato quasi sotto silenzio, tra i vertici del sindacato unico e la controparte degli editori, che ringraziano per l’abbassamento di paletti e tutele a favore dei cronisti. Tra i giornalisti condannati, con i quali solidarizziamo – insistono i deputati – molti sono disoccupati o free lance con compensi bassissimi. E dovrebbero pagare la spropositata somma di 40mila euro di spese legali a beneficio, tra gli altri, della presidenza del Consiglio che con il ministro Lotti ha una responsabilità morale precisa in questa vicenda”.

“Mentre si strepita a sproposito sul tema delle fake news, ecco cosa intende il M5S quando parla di giornalisti asserviti perché sotto ricatto, dunque loro malgrado. Sul fronte degli editori, sappiamo chi sono e cosa fanno i De Benedetti e i Caltagirone, ma dall’altra parte c’è un sindacato unico che si è fatto casta, si è sganciato totalmente dai problemi concreti dei cronisti e pensa solo alla conservazione del proprio potere: esattamente quello che diciamo quando critichiamo le grandi sigle dei lavoratori”, concludono gli eletti M5S.

Parlamentari 5 Stelle

D’Alessandro: “La sentenza di condanna aggredisce e intimidisce i giornalisti”

Marco Piuccaluga (consigliere Ordine) sui giornalisti condannati: “Chi tocca i fili muore”

 

 

 

La sentenza dei giudici di Roma che ci dà torto

 

 

 

 

Ecco cosa diceva Franco Siddi nel 2009 sul contratto. Ora siede nel CdA della RAI

 

Anche l’Unione Sindacale di Base critica la sentenza che ci condanna a pagare spese salate

Condividi questo articolo

more recommended stories