La conferma di Mauri: Mondadori in espansione, pubblicità +14/15 per cento

Da ItaliaOggi

Periodici Mondadori, raccolta a +14/15%

«Il semestre sta andando bene: sta andando bene l’integrazione coi libri» ex Rcs e stanno andando «molto bene i periodici», ha detto ieri a margine dell’incontro annuale Upa Ernesto Mauri, a.d. del gruppo Mondadori, precisando che sui magazine «registriamo nei primi 5 mesi del 2017 un bel +14/+15% nella raccolta pubblicitaria stampa+digitale.
Dato che consolidiamo a iugno», seppur non sia a perimetro omogeneo vista l’acquisizione dei siti web già Banzai.

«Il digitale traina», ha proseguito Mauri, ma sono soddisfacenti anche gli andamenti diffusionali delle nostre nuove testate di carta: «Il terzo numero di Giallo Zafferano è sulle 200 mila copie. Il primo numero di Spy ne ha vendute 300 mila, il secondo cresce e per il terzo manteniamo il prezzo di lancio a 0,5 euro». Anche le pagine pubblicitarie di Spy «tengono», essendo passate nel tempo dalle 56 del debutto alle 46 più recenti. Peraltro il nuovo settimanale di gossip di fascia bassa «aiuta» anche le vendite di Chi, altro magazine mondadoriano ma di fascia alta. Dividendo a fine anno? «Noi facciamo di tutto», ha concluso Mauri. «Deciderà poi l’azionista se distribuirlo o meno».

Da Milano Finanza.it

Mondadori, bene la pubblicità dei periodici nel primo semestre

L’ad Mauri ha detto che nei primi 5 mesi dell’anno la raccolta pubblicitaria, digitale e carta, dei periodici ha segnato un aumento del 14/15%, performance consolidata a giugno. Promette bene il nuovo settimanale Spy. Ma l’Upa taglia la stima di crescita degli investimenti pubblicitari per quest’anno a +1,8%.

La pubblicità nel primo semestre sta andando bene per Mondadori , “particolarmente bene per i periodici”, ha precisato l’amministratore delegato della casa editrice di Segrate, Ernesto Mauri, a margine dell’assemblea generale dell’Upa (Utenti pubblicità associati). Riferendosi ai primi cinque mesi dell’anno, Mauri ha detto che, pur in presenza di un perimetro non omogeneo per via dell’acquisizione delle attività di Banzai  Media, a maggio, grazie al digitale, la crescita pubblicitaria dei periodici è stata del 14-15% e “a giugno consolidiamo”.

Promette bene anche il nuovo settimanale di gossip, Spy. Mauri ha infatti anticipato che il primo numero ha venduto in edicola intorno a 300.000 copie e “il secondo sta crescendo ancora”, motivo per cui Mondadori  sta ragionando sulla possibilità di mantenere ancora per qualche numero il prezzo di copertina a 50 centesimi. Inoltre, se dal punto di vista della pubblicità il primo numero aveva raccolto 56 pagine, il secondo e il terzo sono tra le 45 e le 46 pagine, quindi “tiene”.

Un buon andamento, “migliore delle previsioni”, che sta aiutando Mondadori  “anche dal punto di vista delle vendite di Chi”. L’ad ha infine assicurato che “faremo di tutto per avere numeri tali da consentire la distribuzione di un dividendo” a fine anno. “Sarà l’azionista a decidere”, comunque con i numeri del semestre “stiamo andando verso quella direzione”, ha concluso il top manager.

Si ricorda che per l’esercizio 2017 il management di Mondadori  ha stimato rispetto al 2016 ricavi sostanzialmente stabili e un ebitda adjusted in crescita a elevata singola cifra con un conseguente miglioramento della redditività percentuale. Anche l’utile netto dell’esercizio è visto in significativo incremento di circa il 30%. Mentre l’indebitamento finanziario netto a fine 2017 è stimato in riduzione rispetto al 31 dicembre 2016 con un rapporto posizione finanziaria netta/ebitda adjusted compreso tra 2,2 e 2 volte.

Gli investitori prendono in parola Mauri con il titolo Mondadori  che ha ridotto le perdite a Piazza Affari (-0,32% a 1,57 euro) anche se l’Upa (Utenti pubblicità associati) ha rivisto leggermente al ribasso la stima di crescita degli investimenti pubblicitari per quest’anno, portandola a +1,8% rispetto al precedente +2%.

Il presidente dell’Upa, Lorenzo Sassoli de Bianchi, durante una conferenza stampa prima dell’assemblea annuale, ha sottolineato che a metà anno sono “state affinate le previsioni”. I settori che crescono di più sono l’auto, il farmaceutico, la cura della persona, i viaggi e il turismo, mentre resta più stabile il comparto alimentare. Il secondo semestre dovrebbe, inoltre, vedere un recupero delle tlc, che nei primi sei mesi hanno registrato una contrazione.

Per quanto riguarda i mezzi, Sassoli de Bianchi ha detto di vedere una crescita significativa per il digitale, la radio ancora in miglioramento, la televisione in leggera crescita, mentre la stampa sarà ancora in calo. Comunque, in merito a quest’ultima, Sassoli de Bianchi ritiene che la tax credit per gli investimenti incrementali sulla stampa possa portare nel 2018 a un’inversione di tendenza. Infine, riguardo alla possibilità di quotare Auditel, il presidente dell’Upa ha ribadito che è una cosa che auspica “nel medio termine”, perché ora la società non è ancora pronta, sottolineando però di parlare a titolo personale. Upa è uno degli azionisti della società di rilevazione degli ascolti della tv.

Da Mf Dow Jones

Mondadori: Mauri, molto bene 1* sem per pubblicita’ periodici

MILANO (MF-DJ)–Per Mondadori , “dal punto di vista della pubblicita’ il primo semestre sta andando bene, particolarmente bene per i periodici”. E’ quanto ha dichiarato l’amministratore delegato della casa editrice di Segrate, Ernesto Mauri, a margine dell’assemblea generale dell’Upa. Riferendosi ai primi cinque mesi dell’anno, Mauri ha detto che – pur in presenza di un perimetro non omogeneo per via dell’acquisizione delle attivita’ di Banzai Media – “a maggio, grazie al digitale, la crescita pubblicitaria dei periodici (carta+digitale) e’ stata del 14-15%”, aggiungendo che “a giugno consolidiamo”.

Circa l’andamento del nuovo settimanale di gossip, Spy, Mauri ha detto che il primo numero ha venduto in edicola “intorno a 300.000 copie e il secondo sta crescendo ancora”, motivo per cui Mondadori  sta ragionando sulla possibilita’ di mantenere ancora per qualche numero il prezzo di copertina a 50 centesimi. Inoltre, se dal punto di vista della pubblicita’ “il primo numero aveva raccolto 56 pagine, il secondo e il terzo sono tra le 45 e le 46; tiene quindi”. Un buon andamento, “meglio delle previsioni”, che sta aiutando Mondadori  “anche dal punto di vista delle vendite di Chi”. ofb (fine)

MF-DJ NEWS

Condividi questo articolo

more recommended stories