Published On: mer, Feb 1st, 2012

INPGI/Perché bisogna (e conviene) andare a votare (di Amedeo Ricucci)

Siamo una strana categoria, noi giornalisti, perchè da sempre preferiamo delegare ai soliti noti (all’Ordine, nel Sindacato e negli altri Organismi di categoria) la gestione della nostra vita professionale. Col risultato che si è creata una casta di burocrati, che fanno e disfano a loro piacimento i nostri destini, senza dover dar conto a nessuno o quasi.

Fino a qualche anno fa questa delega in bianco produceva non troppi danni, perché quella del giornalista restava una categoria tutto sommata “protetta”, con buoni stipendi e buone pensioni.

Oggi invece, che siamo sotto attacco da parte di editori senza scrupoli e che viviamo una precarizzazione selvaggia, riprendersi in mano il proprio destino è non solo un diritto ma un dovere.

Già paghiamo le conseguenze di un contratto sciagurato, quello del 2009, che ci è stato imposto obtorto collo da una dirigenza FNSI miope e succube degli editori.

Sarebbe perciò il caso di tirar sù la testa, abbandonando la tradizionale diffidenza verso gli organismi di categoria e contribuendo semmai a renderli più efficienti, più trasparenti e più vicini alle esigenze reali della nostra professione.

VOTARE, allora, VOTARE, VOTARE. Noi non cerchiamo poltrone da occupare, vogliamo solo dare il nostro contributo per DIFENDERE e RAFFORZARE l’INPGI, da un lato, ESTENDERE LE TUTELE E IL WELFARE A TUTTI I GIORNALISTI, dall’altro.

Amedeo Ricucci

About the Author

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

INPGI/Perché bisogna (e conviene) andare a votare (di Amedeo Ricucci)