Mondadori nel pantano: maxi-esuberi e cessioni