SCATTI D’ANZIANITA’/L’acqua calda dei veneti

Ma come! Al congresso nazionale della FNSI di Castellaneta Marittima hanno rotto l’anima sostenendo – come declamò Enrico “Chicco” Ferri, collega padovano da molto tempo pezzo grosso della FNSI – che gli scatti d’anzianità vanno aboliti “perché gli extracomunitari mica ce l’hanno”. Ma come! Enrico “Chicco” Ferri, collega padovano da molto tempo pezzo grosso della FNSI, a Castellaneta declamava alla platea la necessità di abolire gli scatti per una autoflagellatoria eguaglianza con gli extracomunitari. E ora salta fuori che proprio i colleghi veneti del giro di Ferri lanciano l’allarme perché “ci vogliono togliere gli scatti d’anzianità”!

Non solo: l’allarme veneto ammonisce che “ci vogliono togliere anche il contratto collettivo nazionale di lavoro e lasciarci solo i contratti aziendali”. Peccato solo che arrivano buon ultimi, sono cose che noi prevediamo e diciamo da qualche anno. Certo che scoprire l’acqua calda, per giunta in ritardo, cioè quando ormai è tiepidina, non indica grandi capacità di dirigenza, tanto meno in campo sindacale.

Capisco che la buona memoria non è una dote dei lettori italiani di giornali o di chi si beve in poltrona l’informazione formato tv, ma noi giornalisti la memoria dovremmo averla, magari anche buoni archivi: la memoria infatti è una sorta di dovere professionale, di “conditio sine qua non”.

E a proposito di memoria e di colleghi veneti del giro di Ferri&C, non vorremmo che il sindacato veneto, sempre diretto dal collega Daniele Carlon, commettesse un’altra sorrettezza – o illegalità? – fornendo ai suoi iscritti il non disinteressato suggerimento di votare per il rinnovo del CdA del Fonto integrativo i candidati della maggioranza che governa la Veneta. Comportarsi come se i candidati “cosa nostra” hanno da essere e come se “cosa nostra” hanno da essere gli organismi della categoria dei giornalisti non è affatto cosa buona. Carlo Verdone direbbe “No bbuono”. A Padova invece si dice “Troppa grassia, san’Antonio!”.

 

Pino Nicotri
(Senza Bavaglio, consigliere della Lombarda, candidato di Uniti per il Fondo al CdA del Fondo per la pensione complementare)

 

more recommended stories