Published On: ven, Feb 17th, 2012

Il braccio di ferro sull’articolo 18 non serve a nessuno (di Daniele Protti)

Caro Degl’Innocenti, lo stesso intervento due volte nella mail di Senza Bavaglio, un’altra adesso. Peccato che su questo terreno ormai la  sinistra, o come tale pensa di essere, fa come Landini: sciopero!

Un impiegato con stipendio garantito (pagato dalla Cgil) che ha dimenticato quello che diceva tale Giuseppe Di Vittorio, fondatore della CGIL: “Il mestiere del sindacalista è trattare, trattare, trattare, trattare. Non alzarsi mai dal tavolo prima della controparte”.

Mi sembra che questa sinistra abbia dimenticato l’importanza della trattativa e che nel braccio di ferro chi la dura la vince. Ma non – Il braccio di ferro sull’articolo 18 non serve a nessuno

certo a colpi di sciopero e basta: durano un giorno, due giorni, gli operai perdono  dei soldi, e alla fine, non trattando (come vorrebbe fare la Camusso, ma senza essere sempre tirata per la giacchetta da Landini&partners) la sconfitta è certa.

Mi spiace, caro Degl’Innocenti, ma non sono d’accordo con questa lettura della storia scritta con lo stile  del Quotidiano dei Lavoratori anni Settanta (ripreso 30 e più anni dopo dal Fatto Quotidiano), e trovo scorretta anche l’ennesima imputazione a Biagi.

Ragionare secondo la legge “abbiamo sempre ragione noi” è l’anticamera della sconfitta certa. Per questo non sono d’accordo con quanto scrivi.

Mi spiace anche non trovare mai, ma proprio mai, qualche collega che cominci a chiedersi: ma è giusto che in Italia esistano solo due categorie di lavoratori non licenziabili: giornalisti e pubblico impiego?

Daniele Protti

About the Author

Displaying 1 Comments
Have Your Say
  1. […]  Il braccio di ferro sull’articolo 18 non serve a nessuno (di Daniele Protti)  […]

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Il braccio di ferro sull’articolo 18 non serve a nessuno (di Daniele Protti)