NON CONTRATTUALIZZATI/Non delegate ad altri i vostri problemi

Qualche giorno fa tra FNSI e FIEG è stato raggiunto un accordo per il rinnovo della parte economica del contratto di lavoro. Non credo che questa sia la sede per discutere se l’aumento salariale concordato sia congruo. Quello che mi pare invece giusto portare a conoscenza dei freelance e dei precari un passaggio dell’accordo che parla della costituzione di una commissione paritetica per il lavoro autonomo. Mi pare un passaggio francamente ridicolo e un’ennesima presa in giro.

Sono anni che i colleghi non contrattualizzati sentono solo parole roboanti e vuote. Il sindacato crollerà, tra l’altro, perché è pieno di commissioni che non hanno mai portato a nulla. Una commissione per ridare dignità a chi non ce l’ha, non si nega a nessuno. Fare qualcosa di concreto per questi colleghi è un altro discorso.

Certo occorrerebbe una mobilitazione di tutti i colleghi contrattualizzati e non per uscire dallo stallo e per obbligare gli editori a ridare dignità (di lavoro e di salario) a chi non ce l’ha. Ma questo sindacato autoreferenziale e autoincensatorio non riesce più a mobilitare nessuno perché privo di democrazia interna, pronto a tagliare le gambe a ogni dissenso.

Se i freelance, i precari e i disoccupati vogliono fare e ottenere qualcosa devono organizzarsi da soli non delegando a inutili commissioni, magari gestite da vecchi pensionati che non lavorano da anni e non hanno ormai la più pallida idea di cosa sia il giornalismo degli anni 2000, il loro futuro.

Ecco perché invito i colleghi non contrattualizzati a lavorare e a contribuire alla crescita dell’USGF (Unione Sindacale Giornalisti Freelance) che non è un corpo estraneo alla FNSI, ma che intende all’interno del sindacato (finché regge) affrontare in prima persona i problemi dei non contrattualizzati, senza delegare altri.

Massimo A. Alberizzi
CdR Corriere della Sera
Senza Bavaglio

www.senzabavaglio.info