L’ultimo Intervento sindacale di Marilisa Verti

 

PRECARI E FREELENCE/Le rocambolesche contorsioni
del sindacato dei giornalisti per saltare sul movimento

Che meraviglia: per i precari, i freelance, i sottopagati e tutta l’orda di 
miserabili che a denti stretti continuano a permettere ai giornali di
uscire, c’è pure la presenza della Commissione Lavoro Autonomo
 dell’Associazione Lombarda Giornalisti, costituita nel 2010, che alza la 
testa.

E’ un vero piacere e una grande soddisfazione prendere atto che con
 un tempismo eccezionale, dopo che dal 1994 denunciamo la devastante
 situazione in cui versano tutti coloro che non sono assunti, anche altri se 
ne siano accorti. 

Ma è con stupore che non vediamo alcuna proposta. Come? Si denuncia, si
brontola, ma non si agisce? 

Ma certo, che dimenticanza: tutto rientra nella logica Fnsi che prende in
giro da anni i freelance, che crea commissioni inutili e non dà vita
all’organismo di base (peraltro approvato al congresso nazionale, alla
 faccia della correttezza). 

Già, come quando Siddi a Bologna e a Roma usava i fantasmi freelance 
urlando nel megafono, per poi lasciarli soli, come sempre, quando si
 trattava di difenderli. 

Complimenti! Siamo fieri di questo sindacato che non ci considera, dunque 
non ci appartiene: e davvero è arrivato il momento di dire Basta! Ma basta a 
tutto, compresa questa dirigenza poltronara e acchiappavoti che si occupa 
solo di se stessa, aggrovigliata in logiche che non ci appartengono. 

E’ ora di cambiare, anche creando nuove realtà.

 

Marilisa Verti
Senza Bavaglio