Published On: lun, Apr 6th, 2009

CONTRATTO/Il Cdr della Periodici San Paolo: approviamo l’ipotesi di contratto

Il Comitato di Redazione della Periodici San Paolo (Famiglia Cristiana, Jesus, Il Giornalino…), su mandato dell’assemblea dei giornalisti, desidera esprimere il proprio apprezzamento e la propria gratitudine alla dirigenza della Fnsi per il duro lavoro svolto allo scopo di ottenere il rinnovo del Contratto nazionale dei Giornalisti italiani.
I giornalisti della Periodici si sono espressi quasi all’unanimità a favore dell’approvazione del contratto siglato nei giorni scorsi. Facendosi interprete dell’indicazione dei colleghi, il Cdr intende sottolineare il fatto, di fondamentale importanza, che non è passata la volontà di chi voleva lasciare gli operatori dell’informazione del nostro Paese senza un contratto nazionale, per renderli ancora più vulnerabili e meno autonomi nel loro lavoro. Così come non è passata l’idea di scardinare, col naufragio del rinnovo del Cnlg, il sistema dei rapporti sindacali che vede nei contratti nazionali di categoria un punto fermo e un caposaldo.
Il Cdr della Periodici San Paolo, pur cosciente di un risultato normativo ed economico non entusiasmante,  invita però tutti i giornalisti a riflettere, in vista del referendum, sulle conseguenze di una delegittimazione del vertice sindacale dei giornalisti rispetto all’accordo raggiunto.
Inoltre, in un contesto di dura crisi economica, che mette a rischio la stessa sopravvivenza di numerose aziende editoriali, il Cdr mette in rilievo il fatto che il contratto siglato contiene non pochi punti qualificanti. In particolare, ci sembrano essenziali:

– Il mantenimento dell’istituto stesso del Contratto nazionale di lavoro giornalistico, che evita l’affermazione della legge del più forte in un mercato del lavoro – quale quello giornalistico – in rapida mutazione;
– il riconoscimento giuridico ed economico che a tutti i giornalisti, compresi quelli dei media elettronici, fanno capo gli stessi diritti e doveri normati da un unico contratto nazionale;
– la tutela dei colleghi più giovani, cui è stata prestata la massima attenzione possibile, in un’ottica di vero solidarismo;
– la difesa dell’articolo 34, con quel che ne consegue circa natura e compiti del Comitato di redazione e del ruolo del sindacato in genere;
– la rinegoziazione, tra due anni, della parte economica, che dovrà tener conto dei sacrifici (vedi scatti d’anzianità) che si è dovuto accettare in questa difficile fase negoziale.

Per tali motivi, il Cdr della Periodici San Paolo esprimerà, in occasione della Conferenza nazionale dei Comitati e Fiduciari di redazione del 3 aprile a Roma, il proprio parere positivo all’approvazione del contratto. Contemporaneamente, invita i responsabili della Fnsi, dell’Ordine dei giornalisti e delle Territoriali, a considerare il risultato raggiunto come un primo passo in direzione di un forte impegno di proposta, che ponga, innanzitutto all’opinione pubblica e al mondo politico, l’ineludibilità dei gravi problemi che stanno attraversando il mondo dell’editoria in Italia e la sorte di un’informazione libera e autonoma, elemento essenziale della democrazia nel nostro Paese.

Il Cdr della Periodici San Paolo
Elisa Chiari
Giovanni Ferrò
Alberto Laggia

About the Author

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONTRATTO/Il Cdr della Periodici San Paolo: approviamo l’ipotesi di contratto