Published On: mar, Nov 27th, 2007

Il business degli stagisti

Avvertenza: I personaggi e i fatti riportati nelle pagine del “Diario di Piero” sono immaginari ma autentica è la realtà che li produce.

Milano, 27 novembre – Gli stagisti in redazione non sono un problema. A sostenere questa posizione stramba sono i tanti “furbetti del quartiere” che hanno creato il “business degli stagisti” a loro esclusivo vantaggio. Nessuno contesta il indivisibile, momentaneo e controllato inserimento di uno stagista in redazione, affinché possa apprendere le nozioni del mestiere. Anche i sassi sanno che questa figura è invece sfruttata, spremuta come un limone per svolgere a tempo pieno attività di redazione, senza il necessario supporto giornalistico.

È sufficiente partecipare ad una qualsiasi conferenza stampa, anche le più delicate o importanti, per trovarsi circondati da un esercito di stagisti confuso ma felice. Sono spremuti a costo zero per qualche mese e poi abbandonati nell’immondizia.

A chi giova questo andazzo? Meglio non farsi troppe domande perché si potrebbe rischiare anche di trovare la testa  mozzata di un cavallo tra lenzuola o nella migliore delle ipotesi di non scrivere più da nessuna parte.

Una cosa è certa: a farne le spese sono i giornali che perdono progressivamente di qualità, i giornalisti (dentro e fuori le
redazioni), l’intero sistema dell’informazione. Per quale ragione un editore dovrebbe assumere un giornalista o attuare forme di collaborazione con professionisti, quando ha la possibilità di fare svolgere tutto o quasi il lavoro gratis ad un esercito di ragazzi volenterosi e in buona fede? In fondo basta soltanto qualche redattore per coordinare il traffico di stagisti.

È tutto per oggi

Danilo Lenzo

About the Author

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Il business degli stagisti